Introduzione
Blyde River Canyon
Kruger Park
Kwazulu-Natal
Garden Route
Cape Town


Google Earth



Diario di Viaggio - Il Sud Africa


Kwazulu Natal - La terra degli Zulu


Come detto la partenza dal Kruger Park è avvenuta intorno alle 11.00 del mattino dopo un Safari e una buona colazione. Ci siamo idretti verso sud attraversando lo Swaziland. Si tratta di un piccolo stato indipendente all'interno della Repubblica del Sud Africa. E' molto povero e affetto dal grave problema dell HIV. Lo abbiamo attraversato velocmente senza fermarci in altro posto se non la dogana (?) all'ingresso e all'uscita del paese. Nei suoi confini non abbiamo visto nemmeno un bianco. La popolazione è infatti di Etnia Swazi. Abbiamo pagato una tassa per l'entrata nello Stato di circa 60 RAND (5€) per persona.
Pur essendo di idmensioni limitate siamo comunque usciti dalla parte Sud a pomeriggio inoltrato. Siamo giunti nella cittadina di Hluhluwe solo al volgere della sera dopo un viaggio ininterrotto di 8 ore! Fate attenzione a come pronunciate il nome di questa città perchè ... non è affatto banale!
In Hluhluwe abbiamo dimorato al Hluhuwe River Lodge che si trova nei pressi del fiume Hluhluwe.  E' possibile praticare ogni sorta di sport: Mountain Bike, Quad Riding, crociere sul fiume etc. Ci siamo fermati due giorni pianificando per il successivo una visita alla St Lucia Wetland Park.
Il Lodge è accogliente e ben curato. Gli ospiti hanno a disposizione una capanna con tutti i confort immersa nella foresta a 2 minuti di passeggiata dal corpo centrale. Anche questa volta cena presto e a letto per le 21.00 di sera. la mattina successiva la sveglia sarà molto presto dato che St.Lucia si trova a circa 60 Km da Hluhluwe e il giro di battello è per le ore 11.15.

St. Lucia

Si tratta di una piccola cittadina turistica ricca di negozi di artigianato e di agenzie viaggio che organizzano escursioni sia null'estuario del fiume sia sull'oceano per cercare le Balene.
La gita in barca è stata estremamente piacevole e offre degli scorci meravigliosi sul fiume. Da provare!
Essendo il mese di agosto la temperatura era intorno ai 20-25°C, l'aria tersa di una giornata primaverile e non vi era traccia di zanzare. Sembra però che in queste zone la malaria sia un problema sentito.
Nell'estuario abbiamo avuto la possibilità di ammirare gli ippopotami e i coccodrilli. Gli ippopotami si trovano sia verso l'estuario del fiume sulla curva che si getta nell'oceano, in compagnia con i coccodrilli, sia in un branco molto numeroso più all'interno. Nel nostro giro in barca abbiamo la fortuna di ammirare degli splendidi uccelli nel loro ambiente naturale:




La Gita termina intorno alle 13.30. Abbiamo un'ora di tempo per andare a vedere da vicino l'oceano Indiano. Le spiagge sono bellissime e pulitissime ma già tempo per noi di tornare verso Nord al Villaggio Culturale Zulu di Dumazulu in vicinanza di HluHluwe. nel nostro viaggio verso il centro culturale abbiamo modo di fare qualche foto ai paesaggi, alla gente e alle case del KwaZulu. nelle foto che seguono vedrete alcune persone che attendono ai bordi della strada il passaggio dei pulmini (sembra essere il mezzo di trasporto di questa gente anche se ci dicono che per loro sono molto costosi), un panorama, una persona che fa qualche km con un'asse di legno sulle spalle e una casa:



Villaggio culturale Zulu

L'ingresso e solo con Guida e la partenza dell'ultimo gruppo è alle 15.00. Fortunatamente, ancora una volta correndo, arriviamo a tempo per entrare con l'ultimo gruppo. L'atmosfera che si respira all'interno del villaggio è molto strana. Gli abitanti sono circa una ventina e quando guardano i turisti ridono. La guida dice che queste persone vivono sempre qui ma sembrano decisamente dei "civilizzati". L'impressione che abbiamo è che questi signori la sera, dopo il lavoro di intrattenitori turistici al villaggio, indossino un paio di jeans e una maglietta e ritornino nelle loro case lasciando il villaggio deserto. Insomma sembra essere un "posto per turisti". E' comunque molto interessante vistare queste persone perchè sono molto molto diverse dagli europei. Ci intrattengono con uno spettacolo di danza rituale molto impressionante e avvincente sia nelle scene di battaglia sia nelle danze comuni.




La sera si chiude ancora una volta al Hluhluwe River Lodge. la mattina dopo la partenza è alla volta di Durban sulla N1 la strada che ci porterà fino a Cape Town.

Imfolozi Park

La mattina successiva decidiamo di partire ancora una volta molto presto e di fare una piccola deviazione dal nostro percorso verso Durban. Attraversiamo l'Imfolozi Nationa Park il cui cancello è a pochi km da Hluhluwe. Anche qui si paga per entrare qualche decina di RAND a persona.
Il parco è più montagnoso del Kruger e offre degli scorci meravigliosi. Ancora una volta siamo fortunati e la mattina presto possiamo godere della vista di iene, elefanti, rinoceronti, zebre ma sopratutto giraffe! ne vediamo veramente molte e a più riprese ma sopratutto abbiamo la fortuna da un'altura di vedere una mamma giraffa e un piccolo al pascolo potendoli osservare con la massima tranquillità senza disturbarli.



Vicino alla porta Sud del Parco troverete un Cultural Center. Un'area è dedicata all'esposizione di artigianato locale mentre un museo descrive le tecniche di cattura degli animali selvatici nella savana. Poco più in la troverete un'are dedicata agli animali destinati al trasferimento in altre Game Reserve o Parchi. Si tratta di una serie di recinti dove conteneere gli animali prima de trasferimento. Abbiamo avuto la fortuna di vedere un piccolo di rinoceronete di pochi mesi in una di queste gabbie. Nella foto qui sotto potete osservarlo mentre viene allatttato con una bottiglia da 2 litri da un addetto:



A pochi km dal Cultural Center troverte il cancello di uscita dal Parco. Da qui imboccherete la N1 in direzione Durban:

Durban

Il viaggio verso Durban è lungo circa 350Km e si percorre agevolmente con la N1. Si arriva a Durban nel primo pomeriggio e si pernotta al Protea Hotel sul lungomare (Waterfront in inglese) di cui potete vedere un'immagine satellitare di Google qui a fianco. Il Waterfront sembra un luogo molto piacevole e con una sabbia bellissima. Il Protea Hotel si affaccia sulla strada proprio di fronte alla spiaggia. La passeggiata è molto piacevole anche se tutti si raccomandano di non andare in giro da soli. In agosto è inverno e non ci sono molti turisti che passeggiano, decidiamo quindi di seguire le indicazioni e di stare tranquilli in Hotel.
A Durban c'è un magnifico Acquiario insieme a un parco di divertimenti acquatici. Portate i l costume perché avrete l'opportunita se lo vorrete di entrare nelle vasche degli squali o di farvi trasportare dalla corrente in giro per il parco sopra un gommone. Al centro dell'acquario la sagoma di una nave contiene gli spazi per i visitatori e intorno ci sono le vasche delle foche e il delfinario con gli spettacoli per gli ospiti dove gli animali sono i veri protagonisti.

Il Waterfront appare sostanzialmmente identico a un lungomare di una città ricca europera. Si potrebbe paragonare facilmente a Valencia o a Barcellona, appena girate dietro i palazzi che rappresentano la prima strisca di costruzioni dal mare vi accorgete però che siete in africa. Non trovate più una persona con la pelle bianca e la ricchezza che avete apprezzato sul lungomare sparisce come per magia.

Durban è un importante porto di scambio con l'oriente e in particolare con l'India. Quale miglior occasione per assaggiare la cicina indiana? Abbiamo cenato al risotrante Jewel of India all'interno dell'Holiday Inn sul Waterfront, poco più a nord del Protea Hotel. Il locale è meraviglisamente curato e  verrete serviti con il massimo riguardo. Il cibo è ottimo e ovviamente un poco piccante. I dolci sono l'unica portata che ci hanno lasciato sorpresi in quanto a originalità ma non vogliamo rovinarvi il gusto della sorpresa. Il prezzo è incredibilmente basso, meno di 20€ a testa. Insomma un ristorante che vale decisamente la pena di provare!

Dopo cena, una piccola passeggiata per smaltire e siamo andati a dormire ancora una volta molto presto. La mattina successiva partiremo alle 6 del mattino per essere in aeroporto e volare verso Port Elizabeth all'inizio della Gardern Route.




I vostri commenti:


5 Marzo 2007 - Serena
Vorrei sapere quali vaccinazioni sono obbligatorie per visitare il meraviglioso Sud Africa.

Terzaghi.it: noi siamo andati in agosto e non abbiamo fatto nessuna vaccinazione e non abbiamo avuto nessun problema né al Kruger né a StLucia che sono indicate come zone di malaria.

per maggiori informazioni prova a dare un'occhiata ad esempio al portale di Viaggiare Sicuri:







Inserite il vostro commento:

Avete dei commenti particolari, idee e suggerimenti riguardo a quanto scritto in questa pagina?
Avete anche voi una foto che riguarda questi luoghi e desiderata farla pubblicare? Contattateci, saremo ben lieti di ospitare le vostre immagini su queste pagine! (ovviamente sarete citati come gli autori!)
 
Inserite in questo form i vostri commenti a questa pagina.

Nome: Email:
Messaggio: